tresca samurai

Una tresca non è sempre la stessa tresca. Tanto per capirsi, dipende sempre da chi la parola la “cucina”.
La parola “tresca” compie un viaggio per mare e terra cambiando nazione, storia e significato nel vocabolario vagabondo 8.

Trescone

Possiamo cominciare con un significato di “tresca da festa”. Si tratta proprio di un ballo: tresca o trescone. Una danza dalle origini medioevali, probabilmente francesi, del XIV secolo.

Un ballo passato anche per la Germania e poi arrivato in Italia, venne citato anche da Dante. L’hanno ballato fino in Toscana e il suo significato alludeva all’erotico sia per i movimenti animati sia per i sinonimi della parola tresca, ovvero: relazione, flirt, intrigo amoroso, amore, amorazzo. Un ballo saltato con un continuo scambio di dama.

Cavalieri

Il sentimento d’amore non risparmia nessuno. Ancora meno i cavalieri che nel loro lessico portavano anche altre parole dignitose come valore e morale. E dovevano combattere contro la tresca, ovvero: intrigo, cospirazioni, maneggi occulti, trama, congiura e inganni. Intrighi e tranelli da impedire o salvare erano le loro occupazioni. Oltre a salvare le donne da qualsiasi pericolo.

Compivano un lunghissimo addestramento per poter utilizzare sia la mente che le capacità corporali. Studiavano, continuavano ad esercitarsi e combattevano. Agivano con astuzia, espedienti, accorgimenti, studiavano le mosse astute della controparte e dichiaravano di agire nel nome del codice cavalleresco.

Tresca per capirsi - vocabolario vagabondo 8

Samurai

“Quando si capisce la lingua,
signore,
ogni cosa va
al suo posto”.

Dice un ufficiale, un aiutante di Tom Cruise nel film “L’ultimo Samurai” durante gli addestramenti militari per conto dell’imperatore giapponese. Durante questa fase del discorso i due ufficiali, e non solo, sono ancora ignari di quanto capirsi diventerà cruciale.

Perché nel periodo di cui parla il film, verso la fine del 1800, in Giappone finiva l’epoca dei Samurai, i cavalieri oltremare. La tresca preparata contro di loro è stata architettata nel nome del progresso e del business occidentale; con l’aiuto dei militari le nuove armi da combattimento dovevano sostenere la parte corposa del dialogo. Dovevano spazzare via le leggi antiche, il modo di vivere conosciuto, modernizzare il Giappone e aprire le porte all’Occidente.

Questo confronto tra la morale e i codici cavallereschi contro il propagarsi delle strategie militari occidentali è stata magistralmente descritta nel rapporto di due lingue, culture differenti. Nella volontà di “fare conversazione” al fine di studiarsi e capirsi di chi effettivamente scendeva in campo. Per poter preparare la propria strategia: da una parte l’espediente occidentale della militarizzazione, la mossa strategica, l’imbroglio e la macchinazione, insomma una tresca. Dall’altra il codice dei Samurai, abituato alla strategia del corpo e della mente, al progettare una trappola, tramare di astuzia, un’altra tresca.

Finale per capirsi

In questo caso il finale di un film riporta eventi storici realmente accaduti. Il tempo che copre circa un anno di vita trascorso insieme ai Samurai e che trasforma un rapporto iniziale. La conversazione finalizzata a studiare un nemico che invece imparerà il codice Samurai e diventerà un amico che agisce secondo antiche abitudini.

L’importanza del tempo necessario per capirsi è stata rilevata anche dal regista durante le riprese. La traduzione dal giapponese all’inglese comportava dei tempi superiori alla previsione ma ha giovato nella comprensione ben più profonda dei costumi giapponesi. Perché a guardare bene, il sol levante ha comunque mantenuto il suo collegamento con la propria storia. La forza del Giappone è proprio questa, la moderna contemporaneità che convive con le antiche radici.

Tresca curiosa     

Non può mancare il contributo ceco. Perché anche la lingua ceca ha la sua treska. La parola è proprio la stessa, e com’è chiaro significa una cosa completamente diversa. Come preannunciato il viaggio è per terra e per i mari, alla lettera. Perché treska in ceco significa merluzzo.

Proprio così, il dizionario ceco riporta che treska è il pesce Theragra chalcogramma sinonimo di Gadus chalcogrammus (Pallas, 1814), conosciuto commercialmente come merluzzo d’Alaska o pollack d’Alaska. Insomma, alla fine la tresca diventa fritta.

È il caso di dire che conviene prendersi del tempo per capirsi e non trovarsi su una griglia.

SCEGLI:

Continua a leggere – Vocabolario vagabondo

oppure soddisfa le tue richieste: Traduzioni per capirci

Iscriviti alla newsletter per ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi

* indicates required

Seleziona cosa vorresti ricevere da Parole di legami:

Puoi disiscriverti in qualunque momento cliccando il link al fondo delle nostre e-mail. Per info sulla Privacy Policy visita il nostro sito.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.

Seguici sui social