fbpx
Relazioni umane, le vedi in un senzatetto davanti a Notre Dame

Relazioni umane – non le monetine

Le normalissime relazioni umane. Cominciano la mattina, davanti a un caffè forte o alla merenda preferita. Magari con le monetine per la macchinetta della scuola.

Proseguono con le richieste per una promozione, un favore, un rendiconto, del pane, un piacere, un’altra dose, la ricetta, un intervento immediato, presentando un progetto, un lavoro, salvando una vita, partendo insieme, prendendo il posto di un altro, avendo un’idea, trovando una soluzione, superando un record, facendo più veloce, chiedendo almeno un giorno libero…

Richieste senza e con il cappello.

In più, prima di rientrare a casa o anche appena usciti, poco distante… altre normalissime, purtroppo, relazioni umane. Si presentano con un cappello, una scritta, chiedendo una monetina. Un aiuto, dicendo di aver fame.

In qualsiasi posto, ormai, di giorno e di notte, agli angoli della strada, in piedi o seduti per terra, dormendo sotto i portici oppure in una casa fatiscente, ammassati sopra materassi dentro una stanza piccola, in dieci, si scaldano respirando.

Un esercito che non chiederà le monetine

Sono persone e non è vero che ti devi vergognare, sentirti esausto o a disagio nel passare, neanche quando, per una volta, metti la mano in tasca.

Non hanno più nemmeno una manciata di diritti. Magari un nome scritto da qualche parte, non di certo su un contratto qualsiasi. Forse su una carta d’identità, tutta sgualcita o perfino persa, rubata, ma tanto tra poco perderà anche la sua validità.
Formano un esercito silenzioso che chiede solo delle monetine. Sopravvivono, da un posto all’altro, con la consapevolezza di essere ancora uomini ma di aver perso le relazioni umane.

Poco distante ce ne sono di diversi.
Sono sempre mani tese fintanto che possono compilare una richiesta. Aspettano, scivolano sempre di più, si aggrappano alla speranza di una promessa, un freno contro la caduta. Un esercito che invade la burocrazia per ottenere un’erogazione mensile di ‘monetine’. Insufficienti le evasioni delle richieste.
Com’è possibile essere arrivati a questo? Si pensa accada solo nelle storie che, un giorno, gli eserciti decidano di unirsi. Smetteranno di chiedere le monetine…

Relazioni umane

Perché tutta questa fatica e burocrazia inutile? Perché non si può andare alla radice di un dannato problema? Le brave relazioni umane. Perchè lasciar dilagare la paura di finire sotto un ponte ed essere lasciati lì a marcire insieme a chi ci è già arrivato?
Perché quando un uomo sulla strada mi chiede di dargli qualcosa da mangiare io sono arrabbiata?
Perchè gli porto un panino e lui si piega per ringraziarmi e mentre lo divora io sto male?
Perchè una donna che grida di aver fame mi riempie del diniego della posizione femminile?
Perché è solo una goccia nel mare.

I grandi soldi da impegnare per dieci anni di ricostruzione di Notre Dame ci sono. Si sapeva che sarebbero saltati fuori. Concordo, il rispetto e la volontà per le opere testimoni del passato sono certamente importanti. Come lo sarebbero per le persone.
Le monetine… è come buttare delle briciole ai piccioni, delle noccioline agli animali in gabbia o i desideri in una fontana.

Poter vivere le relazioni umane

Fate pure i vostri annunci mirati, di un marketing migliore, ma impegnatevi per la dignità delle relazioni umane! I diritti di base dell’uomo, che deve avere:
– un tetto sopra la testa, non fatiscente o in condizioni igieniche precarie
– un’occupazione qualsiasi per qualsiasi età, per sentirsi utili
– da mangiare, senza doverlo chiedere per strada.

Si può dare, regalare uno scopo nella vita. Educare e vivere senza sprechi. Se le case vuote non sono sufficienti c’è chi trova il modo di impiegare tutta questa plastica.

Così, quando ci si incontrerà per strada, sarà possibile avere delle normalissime relazioni umane. Senza vergogna, tranquillamente, senza rabbia, sentendoci a posto.
Solo che…

In qualsiasi posto, ormai, di giorno e di notte, agli angoli della strada, in piedi o seduti per terra, dormendo sotto i portici oppure in una casa fatiscente, ammassati sopra materassi dentro una stanza piccola, in dieci, si scaldano respirando.

Leggi anche: Supposizioni gratuite su un senzatetto
Oppure guarda il video: Un senzatetto cerca riparo a bordo del bus

Lascia un commento

Relazioni umane – non le monetine

tempo di lettura: 3 min