orientamento sessuale

Orientamento sessuale? Che argomento, dicono che faccia paura. Nel 2021?

“L’omofobia è la paura e l’avversione irrazionale nei confronti dell’omosessualità, della bisessualità e della transessualità e quindi delle persone omosessualibisessuali e transessuali basata sul pregiudizio.” (cit. Wikipedia).

Pensate che una volta ero convinta che i gay ce l’avessero con me! Neanch’io mi ero risparmiata nell’individuare il diverso nella sfera sessuale.

Arrivata in Italia

Innanzitutto ero una ragazza da poco arrivata in Italia e avevo tante novità attorno a me. Facevo una grande fatica a distinguere e soprattutto capire le differenze. All’inizio, quando si arriva in un paese nuovo, non più solo scoprendolo durante le vacanze, si vede tutto con entusiasmo. Nonostante fossi approdata in Italia, un paese lamentoso, io vedevo tutto bello. Quindi se vicino a me si trovavano persone omosessuali, pure lamentandosi, io non le riconoscevo come persone diverse, perché non avevo elementi sufficienti per rendermene conto.

A dirla tutta, mi ricordo bene che agli inizi avevo un bel da fare nel capire la necessità di puntare il dito contro dei connazionali provenienti dal Sud chiamandoli “terroni”, in un modo chiaramente sgradevole. Anche farlo passare come scherzo mi pareva fuori luogo. Mia madre aveva fatto una scelta analoga scappando dalla sua terra, nel senso che la sua famiglia possedeva dei terreni ma lei preferiva la città.
Come ho detto, ero alle prese con la comprensione della parola “terrone”, non riuscivo ad associarla né a Roma, né ad altre città del Sud Italia.

Omosessuale

Le persone omosessuali esistevano già nel mio lessico. Oltre la cortina di ferro, immersa nel pensiero pro-soviet, la parola gay aveva le declinazioni più orrende ma non ricordo di averle mai sentite sbraitare. In generale gli omosessuali erano calcolati come persone a cui mancava qualcosa. All’uomo, per esempio, la mascolinità, “un essere pappamolle che non è in grado di fare l’uomo”. Non era di certo lusinghiero ma era questa la spiegazione che circolava e mancava l’attrattiva di un approfondimento.

Ho un ricordo rilevante di poco prima che emigrassi, in un locale. Ricordo ancora oggi dove fosse, poco lontano dal centro. Sempre dichiarato a bassa voce, fungeva da ritrovo di uomini gay. Nella compagnia ero l’unica ragazza, curiosa del diverso, volevo sapere. Avevo un mio elenco di cose da scoprire prima di partire. Per la prima volta nella mia vita vedevo “dal vivo” un uomo di orientamento sessuale diverso. Non è andata benissimo.

I ragazzi con cui ero entrata, dei ventenni di allora, facevano per lo più gli stupidi, mentre l’uomo di fronte a me mi aveva chiesto gentilmente di seguirlo al bancone. Mi aveva chiesto, molto educatamente ma con ferrea fermezza, di portare la mia compagnia fuori dal locale. I ragazzi stavano provocando e non era gradito. Usciti dal locale avevo soddisfatto la curiosità di vedere degli omosessuali ma non avevo rilevato niente di particolarmente strano o diverso.

Orientamento sessuale - Essere diverso 2

Orientamento sessuale

In Italia avevo cominciato a conoscere scrittori, parrucchieri, artisti, traduttori, proprietari d’albergo, dentisti per citare solo alcune professioni che sono a contatto con il pubblico. A volte percepivo da parte degli uomini un comportamento ostile e quando mi capitava di sentire: “Guarda, sono gay”, mi domandavo comunque che gli avessi fatto. Perché io continuavo a riconoscerli come persone.

Tanti di loro si impegnano, anche nell’aspetto, lasciatemelo dire. Tra noi donne circola il detto: “Se è figo è sicuramente gay”. In più fino a “ieri” lo nascondevano. Oggi riesco a riconoscerli anch’io e so che non ce l’hanno con me in modo particolare, nonostante io con il mio carattere mi ci metta parecchio. Con grande probabilità mi sono capitate le persone più esuberanti e sessualmente libere, e io non ho un radar per rilevarle.

Invece ancora oggi sembra che l’omosessualità debba riguardare le persone che, oltre ad avere un orientamento sessuale diverso, non sono nemmeno parenti prossimi dei diretti interessati. E grazie a molti benpensanti e alle violenze protratte fino ad oggi, essere introversi e riservati sembrano scelte obbligate in quanto omosessuale. Ho anche confrontato il vocabolario, da una parte della frontiera all’altra, per scoprire che il lessico che riguarda gli omosessuali è in fondo al barile, ovunque.

Diversità

Alcune banalità sui gay: capita spesso che gli uomini omosessuali abbiano diverse amiche donne. Per la loro sensibilità? Spesso sono gentili, e purtroppo hanno già attorno tante bruttezze, ma qualche volta risulta forzato. Sento già un coro mascolo dietro di me: “Fare l’amico è vincere facile, eh!”. Nel senso che stando con una donna non si può essere amante e amico contemporaneamente? In Piemonte si dice “Piemontesi, falsi cortesi” quindi se si va a generalizzare sulla simpatia in quest’area geografica non so come la mettiamo.

Apro una parentesi e punto il dito altrove. Verso bambini a spasso tra case famiglia anche se nati “regolarmente”. Verso gli uomini etero che scappano dalle donne, di famiglie “cosiddette” regolari, che si dimenticano dei genitori e pure dei figli. Verso mogli buttate per strada, e tante altre problematiche più che sufficienti, da sentirsi in dovere di alleggerire qualcosa.

Non pretendiamo di risolvere tutto in questa fantastica epoca digitale ma almeno teniamoci stretti l’educazione e il rispetto, per poter formulare dei concetti ragionati. Finiamola sull’imporre la propria visione di una sessualità “corretta” o “normale” perché, del resto, quello che riguarda l’erotismo non saranno fatti privati? Vogliamo ricordare l’antica Roma riguardo l’orientamento sessuale dell’individuo eroticamente attratto da soggetti dello stesso sesso? Non è una “malattia” spuntata nel Ventesimo secolo. Parliamo anche d’altro.

SCEGLI:
Continua a leggere – Emigrato per sempre – Essere diverso 1
oppure visita Store del sito – Leggere qualcosa

comunque

Categories: Legami e relazioni

Iscriviti alla newsletter per ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi

* indicates required

Seleziona cosa vorresti ricevere da Parole di legami:

Puoi disiscriverti in qualunque momento cliccando il link al fondo delle nostre e-mail. Per info sulla Privacy Policy visita il nostro sito.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.

Seguici sui social