fbpx
caldo estivo e freddo invernale contrapposti

Caldo estivo esagerato – Etimologia italo-ceca

Quando il caldo estivo è veramente esagerato poco si può fare. Specialmente nelle città. Tanta condivisione e poca consolazione. Qualcuno fa le ferie bagnando i piedi a riva oppure fa dei bei respiri su qualche cima.

Se mi venisse voglia di andare a Praga, per esempio, non risolverei. I due paesi si sono globalizzati con lo stesso caldo estivo esagerato. Per quanto riguarda la fantasia è un altra storia. Nel denominare i mesi estivi la vince alla grande la lingua italiana.

Giugno, luglio, agosto

Il nome del mese di giugno deriva dalla dea Giunone, moglie di Giove, luglio si chiama così in onore di Giulio Cesare e agosto onora l’imperatore Augusto.

Nella lingua ceca (che io preferirei cesca) il mese di giugno “červen” ha il significato del colore rosso e quindi è il mese in cui i frutti rossi iniziano a maturare ma alcuni etimologi sostengono che il nome si basi sull’abbondanza dei vermi (červ) in quel periodo.

Luglio si chiama červenec, praticamente un piccolo giugno. Probabilmente la creatività all’epoca era in diminuzione.

Infine agosto è srpen e può essere stato denominato così grazie alla parola “sirpsti” – ovvero “maturare” – oppure da “srp”, la falce che serve per la raccolta del grano maturato in quel periodo.

Caldo estivo come tema da bar

Come insegna l’italiano, giugno di solito è il mese del sole. Fa caldo.
Nell’estate 2019 troppo, era diventato l’unico tema da bar, ascensore e saluti quotidiani. Ci siamo rintanati sotto l’aria condizionata e serrati dietro le persiane. Chi scappava in montagna o al centro commerciale. Era un caldo esagerato. Potevo chiamare a Praga e la prima cosa di cui si parlava era il “morire dal caldo”. Le temperature da Torino a Praga sfioravano al massimo un paio di gradi di differenza. Anche Greta era sempre più preoccupata.

Così per l’inverno, strano a crederci, mi lamenterò perché avrò di nuovo freddo, pensavo. Perché io soffro di freddo, da sempre. Non sono nordica del Polo Nord, che tra l’altro soffre di caldo, ma quando c’è freddo io lo sento. C’è ancora chi si meraviglia perché sono nata a Praga, che vede come un estremo nord. Quindi, di conseguenza, come faccio ad avere freddo?
È una magra consolazione, in un’estate veramente troppo calda. Quando non si riesce ad andare al mare, in Italia, è veramente difficile.

Cura per il caldo estivo

La cura per ogni cosa è l’acqua salata: nel sudore, nelle lacrime o nel mare“.
Isak Dinesen

Leggi anche: Festa delle donne, qual’è il colore

Lascia un commento

Caldo estivo esagerato – Etimologia italo-ceca

tempo di lettura: 2 min