15 febbraio San Faustino, una ragazza sola in mezzo ai palloncini

Sono i single a festeggiare San Faustino il 15 febbraio. Un giorno in cui confermare, oppure scongiurare, l’incertezza che nella vita un legame possa durare per sempre.

15 febbraio San Faustino

I single stanno festeggiando la loro libertà sbeffeggiando tutti gli innamorati del giorno prima. È come aver vinto dopo un combattimento, anche se nella realtà in quella condizione non ci vorrebbero stare. Sentirsi come un martire, San Faustino, nonostante il suo nome significhi fortuna.

Ripiegando sulla libertà “conquistata”, non avendo festeggiato il 14 febbraio si brinda ad una vittoria e tante altre che arriveranno. Perché come dice il proverbio stesso “con una battaglia la guerra non è vinta”. Quando si dice di essere single decisi.
Poi c’è chi l’indipendenza, ammette, non la vuole proprio.

La scelta

Essere single capita a tutti nella vita. Di solito succede perché una parte delle due dice basta all’altra. Succede pure perché tenere in piedi un gioco a tre diventa ingestibile e un altro single resta a piedi. I single che subiscono la scelta della rottura di un rapporto sono sopravvissuti, rinvigoriti dal tempo, che professano come si stia bene da soli.

A parte la tristezza smessa e San Faustino, essere single in certi casi diventa davvero la scelta per eccellenza. Non è solo una questione di: “Sai che cosa? L’ultima esperienza di coppia mi ha proprio esaurita”, né del: “Non ci sono più le donne di una volta” e neanche di: “Gli uomini sono diventati intrattabili”.

Vantaggi dei single

  • vivere da soli e saperlo fare
  • trattare sé stessi come la persona più importante a prescindere
  • scoprire di non avere tempo per dedicarlo all’altro

Chi invece da solo non sta comodo ha tante opportunità durante tutto l’anno. A Torino, per esempio, 15 febbraio a San Faustino, e non solo, fiorisce la commercializzazione delle feste per i single. Quel giorno o un altro hanno comunque l’aria del sensale moderno. Alzi la mano chi ci ha provato ed è rimasto accoppiato!

Legare con una persona è una crescita. È un insieme di fattori, dalla conoscenza reciproca (senza: “Ma sì, magari quell’angolo si smussa“) alla consapevolezza (“Quello spigolo mi piace proprio“).
Dal sapersi trattare bene al trattare l’altro ancora meglio.
Così che alla fine si può passare dal festeggiare la libertà allo stare bene insieme. Perché se un single per scelta decide di cambiare la propria decisione, non c’è festa che tenga.
Quando si trova sé stessi si è pronti ad incontrare la persona giusta.

Leggi anche: San Valentino e la sua leggenda

Categorie: Legami
Tags: